sabato 22 novembre 2014

VENTO D'AUTUNNO





Vento d'autunno,
dimmi di me,
dama fluttuante
del mio tempo
zingaro,
di lui, che non sa,
non ricorda
il gelo tra noi,

la noia
mi fa male
più della malinconia,

agonia discreta
di amanti
svogliati,
il vuoto dentro,
senza fuga
o riscatto,
né 'scusa,
ricominciamo'.

E il vento soffia,
ansima,
infuria,

paziente
respira,

e l'anima mia
vagabonda
se ne va,
sognando
un altro paradiso
per la vie di casa,
sola,
da sempre
in volo.