venerdì 8 novembre 2013

QUALE AMORE






Tu
che mi guardi,
tu
che mi sfiori,
tu
che mi prendi
e te ne vai,
tu come tanti .
Io
metto in tasca
cose in più
vita in meno ,
obbediente lego il  fermaglio
tra capelli innocenti,
dura bambina fragile,
sola
in mille solitudini,
vincoli di sangue e d’interesse
non d’amore.
Mi siedo  nel mio banco,
attenta,
estranea,
docile studio
divergenti  lezioni
dell’esistenza,
amara
donna di domani.