martedì 8 luglio 2014

TANGO ILLEGAL







Quando viene sera , nel cuore di una città bella e assassina, di affari e di malaffari , una donna gentile cammina senza fretta con passi felpati di gatto giramondo, guarda la piazza vuota di gente e di pensieri e aspetta qualcosa , o qualcuno. Sola, rimane in attesa, nel caldo sospeso d’emozioni sfuggenti .Ed ecco, un’ombra discreta arriva d’improvviso, è un volto maschio, è uno fra tanti ma lei lo sa, l’aspettava da sempre. Si ferma e sorride davanti a lei. Profuma  d’estate, d’istinto è lei che decide e sopporta fiera il suo gioco d’amante. Nella fibra sottile del ricordo si scoprono uguali, le loro mani si stringono in una danza di passione , di un tango illegal , lente movenze di desiderio e dominio, sono teneri e folli, un attimo di frenesia al ritmo di una milonga sensuale, un istante di paradiso. Poi lasciano la presa, si guardano e non si riconoscono più . Dopo il delirio resta il loro stanco silenzio , nella notte zingara , avara di sogni.